Schermata 2009-10-29 a 14.29.51 Il Münchener DigitalisierungsZentrum si arricchisce di opere di interesse eccezionale anche per i liutisti.
Su segnalazione del liutista giapponese Toshiaki Kakinami, ma anche con l’aiuto della ben nota lista anglosassone, riporto il riferimento all’opera dell’ungherese Bálint Bakfark, Harmoniarum musicarum in usum testitudinis factarum, tomus primus, pubblicato a Kraków nel 1565.

Affinché non si pensi ch’io legga solo musica per liuto barocco 🙂

Annunci